Romania and the land “beyond the forest” ** Romania e la terra “oltre la foresta”

Brasov – Transilvania

Romania is located in Southeastern Europe and it borders with the Black SeaBulgariaUkraineHungarySerbia, and Moldova.  Its capital, and largest city, Bucharest, is the sixth largest city in the European Union. The name Romania derives from the Latin romanus, which means “citizen of Rome”.   The language is descended from the Vulgar Latin dialects spoken in the Roman provinces and the Romanians are mainly descended from the Daco-Romans who were a population that developed through the cohabitation of the native Dacians and the Roman colonists in the province of Dacia Traiana.  Romania was dominated by several different countries over the centuries, and in 106 A.D became part of the Roman Empire.  It is a country known for its beautiful landscape, rich history and stunning cities such as Cluj-Napoca, Brasov, Sibiu, Iasi, Sinaia and many more.

Transylvania, known as Ardeal, and the land beyond the forest, is a historical region located in the central part of Romania.   It is known worldwide as the country of vampires and the home of Count Dracula, thanks to the influence of Emily Gerard‘s The Land Beyond the Forest (1888), and the novel Dracula, by Bram Stoker (1897).  

Cluj-Napoca, also known as Cluj, is the second most populous city in Romania, the first being Bucharest. Today, the city is one of the most important academic, cultural, industrial and business centres in Romania. Among other important institutions, it hosts the country’s largest university, Babeș-Bolyai University. In 2015 Cluj-Napoca was nominated European Youth Capital.

Brasov is an important tourist destination and the largest city in a mountain resorts area.  It is centrally located, therefore, a great starting point for exploring Romania and famous destinations such as the Black Sea, the monasteries in northern Moldavia, and the wooden churches of Maramures.

Sibiu is one of  Romania’s most important cultural centres and was designated the European Capital of Culture in 2007.

The country is rich in mineral resources, industries, stock raising, farming and wine production. Transylvania is known for its fascinating Gothic style architecture that can be seen in many splendid churches, cathedrals as well as castles.

Bran Castle

Romania has an extremely interesting and diverse culinary tradition, based on the various regional infuences, but also those of its neighbouring countries.  Among the delicious dishes that one can enjoy, there are a wide range of soups made with meats, vegetables, tripe or fish. Some of these have a characteristic sour taste obtained with the use of lemon juice, sauerkraut juice, vinegar or bors which is made from bran. Some soups are made with tarragon, while others have chili, and still others have sour cream added to them, such as the sauerkraut soup.

A very famous recipe is the Cluj style baked sour cabbage, where sauerkraut is combined with pork, rice, onions, salt and pepper. The onions are finely chopped, the pork is minced and these are sautéd with some lard. The finely sliced cabbage is sautéd separately in lard.  The boiled rice is then mixed in with the minced meat and onion.  Layers are then made in a large pan alternating the meat and the cabbage. It is then seasoned with salt and pepper and baked at medium heat for about an hour.

Another interesting dish is the Sarmale, the traditional Romanian cabbage rolls, that is cabbage leaves stuffed with pork, beef and a bit of bacon. The cabbage leaves are given a quick boil in salted water to which vinegar is added.  These are then separated, drained, cooled and flattened.  Onions, celery, bacon, salt, pepper, paprika, parsley are then sautéd in oil until golden.  The ground pork, rice and a bit of water is added and this becomes the filling for the cabbage leaves. Each leaf is folded and rolled and arranged, seam side down, in neat layers in a low pot.  Then sprinkled with salt, and tomato sauce, tomato juice and more sauerkraut are added on top. The rolls are covered with water or soup, brought to a boil, then the heat is reduced and the rolls are left to cook for about an hour.  For a real Romanian touch, these are served with sour cream and mamaliga, a porridge made of yellow maize flour.

Sarmale

How can we not mention a typical dessert? The Romanian Cozonac is a nut filled sweet bread dough made during the holiday seasons.  For the nut filling, sugar is melted in milk, then walnuts, cocoa and flavourings of choice are added and mixed together until it becomes a paste. The sweet bread dough is then prepared with flour, milk, eggs, yeast, butter, sugar and flavourings of choice.  The flour and yeast are mixed first, then the heated milk, butter and sugar are added once cooled, then the beaten eggs and flavourings. The dough is kneaded and covered with plastic wrap and left to rise until it doubles in size.  The dough is then cut into a rectangle, the nut filling is evenly spread on it, then it is rolled in a pinwheel shape or braided.  The top is brushed with a beaten egg and is left to rise again for about 30-40 minutes.  It is then baked in a preheated oven for about 40 minutes or until golden brown.  The final touch is a sprinkling of powdered sugar.

Cozonac

**********************************************************

La Romania è situata in Europa centro-orientale e confina con l’Ungheria, la Serbia, la Bulgaria, il Mar Nero, la Moldavia e l’Ucraina. Dal 2004 fa parte dei Paesi della NATO, e dal 2007 dell’Unione Europea. Il nome Romania deriva dal latino Romanus, romano.  La Dacia era un’antica provincia dell’impero romano che comprendeva i territori dell’attuale Romania, parte della Bulgaria e dell’Ungheria. Fu costituita verso la fine dell’anno 106 dopo Cristo.  E’ un paese dai paesaggi meravigliosi, ricco di storia e città bellissime come Cluj-Napoca, Brasov, Sibiu, Iasi, Sinaia e tante altre.

La Transilvania, Ardeal, conosciuta anche come la terra oltre la foresta, è una regione storica che costituisce la parte occidentale e centrale della Romania.   Diventò sempre più famosa nel mondo dopo la pubblicazione del libro di Emily Gerard The Land Beyond the Forest (1888) e del romanzo Conte Dracula di Bram Stoker nel 1897.

Cluj-Napoca, anche conosciuta come Cluj, è la seconda città più popolata della Romania, dopo Bucharest.  Oggi è una dei centri più importanti del paese a livello accademico, culturale, industriale e commerciale.   E’ sede, tra tante istituzioni importanti, della più grande università del paese, la Babeș-Bolyai University.  Nel 2015 Cluj-Napoca è stata nominata Capitale Europea della Gioventu’.

Brasov è un importante centro turistico e la città più grande nella zona turistica montuosa.  E’ situata in zona centrale quindi strategica per visitare ed esplorare la Romania e le destinazioni più importanti come il Mar Nero, i monasteri nel nord Moldavia, e le chiese di legno del Maramures. 

Sibiu è uno dei più importanti centri culturali e fu nominata nel 2007 Capitale Culturale Europea. 

Il paese è ricco di risorse minerarie, grandi stabilimenti industriali, allevamenti di bestiame, agricoltura e vigneti.  La Transilvania è inoltre conosciuta per il suo stile architettonico gotico che può essere ammirato nelle splendide chiese, cattedrali e anche nei castelli

La Romania ha una tradizione culinaria estremamente interessante e diversificata, basata sulle varie influenze regionali, ma anche dei paesi confinanti.   Tra i tanti deliziosi piatti, si possono gustare una grande varietà di zuppe fatte con la carne, le verdure, la trippa e il pesce. Alcune di queste zuppe hanno il caratteristico sapore acido che si ottiene con l’uso del succo di limone, succo di crauti, aceto o bors che viene fatto con la crusca. Alcune zuppe vengono condite con il dragoncello, altre sono piccanti, e altre ancora hanno la panna acida come nella zuppa di crauti.

Una specialità è la Verza alla Cluj fatta con carne di maiale, verza, riso, cipolle, un pò di lardo affumicato, olio, passata di pomodoro, pepe e sale. Se si usa la verza cruda, si deve aggiungere un po’ di sale e mescolare per ammorbidirla. Se si sceglie, invece, di usare la verza in salamoia, allora è necessario lavarla bene prima di tagliarla. Si soffrigge in un pò di olio la cipolla tagliata a cubetti, ma volendo mantenere la specificità locale, si usa lo strutto.  Si aggiunge la carne tritata e il pepe. In una pentola capiente si creano tanti strati di verza tagliata alternata a strati di carne.  Si versa sopra un pò di passata di pomodoro e acqua o brodo, e si cuoce al forno per un’ora circa, fino a quando la verza assume un bel colore dorato.

Un’altro piatto della tradizione Rumena che si prepara di solito nei periodi di festa sono le Sarmale, dei fagottini o involtini di verza, ripieni di carne trita, riso e aromi, cotti in poco sugo o al forno.  La verza deve essere resa morbida per poter essere arrotolata.  Si può trovare la verza in salamoia nei negozi specializzati, oppure si lavano le foglie della verza, si privano della nervatura centrale, e si mettono a bollire qualche minuto in acqua con sale e aceto, poi si scolano.  Per il ripieno si usa carne di maiale e di vitellone, che si fa rosolare con le cipolle, poi si aggiunge il riso e gli aromi a scelta. Si aggiunge il pomodoro, si amalgama tutto e si toglie dal fuoco.  Si mette il ripieno nelle foglie, che poi vengono piegate e arrotolate creando degli involtini che verranno poi messi in un tegame alto, disponendoli sul fondo con la parte piegata sotto.  Sopra si può mettere la pancetta tagliata a dadini, altra verza tagliata e pomodori.  Si aggiunge un pò di brodo o acqua fino a coprire i fagottini, si porta ad ebollizione, si abbassa la fiamma, e si fa cuocere per circa un’ora.  Sono deliziosi serviti come nella tradizione rumena, con polenta e panna acida. 

Non potevamo non chiudere con un dolce!  Il Cozonac è un dolce tipico, preparato nei periodi di festa.  Vengono mescolate insieme farina, lievito e zucchero. A parte si sbattono le uova e gli aromi a scelta e il sale, si mischia e si aggiunge al recipiente con la farina. Si mescola bene a si aggiunge il latte tiepido e il burro fuso, poi si lavora il composto e si lascia riposare fino a quando raddoppia la sua misura.  Nel frattempo si prepara il ripieno frullando le noci e aggiungendo il cacao in polvere e lo zucchero. Si mescola bene il tutto, poi si aggiunge il latte.  Con l’impasto spianato si crea un rettangolo, ci si spalma il ripieno, si arrotola a forma di ruota o treccia, poi si lascia risposare per 30-40 minuti.  Si cuoce nel forno preriscaldato per circa 40 minuti o fino a quando diventa un bel biondo dorato.
 

0 comments on “Romania and the land “beyond the forest” ** Romania e la terra “oltre la foresta”Add yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *