San Galgano… the sword in the stone and Calici d’Inverno

Massa Marittima
Massa Marittima

Every year, in December, in the city of Massa Marittima, a very very interesting event is held called. . . Calici d’ Inverno.  Three days of exhibits and tasting of wine and other typical local products.  The aim of the initiative is to promote and incentivize the production of typical local foods in an area which is rich in art and culture.  There is wine and oil tasting from the best cellars in the Monteregio area, and exhibits with sampling of legumes (beans, chickpeas, lentils and grass peas known in Italy as cicerchia).  Other foods are presented and promoted such as sweets, cheese, cold cuts, honey, etc., all locally produced and that can satisfy even the most demanding food conoisseurs.

After having enjoyed the delights that this event has to offer, one can drive a short distance to visit the famous sword in the stone in San Galgano.  It’s not far from Massa Marittima, on the way to Siena, and one can see the magnificent ruins of the Abbazia Cistercense of San Galgano, built at the beginning of the 1200s, and one of the most impressive abbeys in the area.  It was abandoned and deconsecrated towads the end of the ‘700s after the bell tower and the vaults of the ceiling were destroyed by lighting during a terrible storm.  

Abbazia Cistercense
Abbazia Cistercense

About fifty metres further on, in an unspoilt landscape, there is the hill of Montesiepi where there is a chapel that contains, not only some beautiful frescoes of the ‘300s, but also the carefully safekept and mysterious sword in the stone of Saint Galgano. In the centre of this circular chapel there is a stone in which is stuck a cross-like sword that is said to have been forged around the year 1170.  This building, called Rotonda di Montesiepi, was the saint’s first tomb.  It is said that Galgano, a young knight born in 1147, not far from Siena, abandoned the knighthood, drove his sword into the stone to create a cross on which to pray, and lived the rest of his life as a hermit, after having had visions of the Archangel Michael and the Apostles. The sword has been there for more than eight hundred years and is considered a symbol of the young knight’s conversion to faith.

San Galgano
San Galgano

**************************************************************

Ogni anno, nel mese di Dicembre, a Massa Marittima, si tiene una manifestazione molto ma molto interessante. . . Calici d’ Inverno.  Sono 3 giorni di degustazione di vini e prodotti tipici.  Lo scopo dell’iniziativa è quello di promuovere e incentivare le produzioni alimentari tipiche della zona che è ricchissima di arte e cultura. Ci sono mostre, soprattutto dedicate al vino e all’ olio, laboratori di degustazione dell’ olio, dei vini di maggior prestigio della zona Doc Monteregio, e dei legumi (fagioli, ceci, lenticchie e cicerchie).  Nei tre giorni vengono anche promosse e incentivate le produzioni tipiche come dolci, formaggi, salumi, miele, ecc., tutti gusti locali che possono soddisfare anche i più esigenti turisti enogastronomici.

Dopo aver gustato le delizie offerte in questa manifestazione, si può fare una tappa a vedere la famosa spada nella roccia di San Galgano.  Non lontano da Massa Marittima, andando in direzione Siena, si possono visitare le rovine della grande Abbazia Cistercense di San Galgano, costruita agli inizi del 1200, una delle più suggestive della zona. Fu abbandonata e sconsacrata verso la fine del ‘700 dopo che il campanile e le volte del tetto furono distrutte dai fulmini di un temporale. 

A circa cinquanta metri c’è la collina di Montesiepi, una cappella dove, oltre ad alcuni affreschi del ‘300, è custodita la misteriosa spada nella roccia di San Galgano. Al centro della cappella circolare, sporge uno sperone di roccia dove è incastonata una spada cruciforme.  Risulta forgiata all’incirca nel 1170.  Questa Rotonda di Montesiepi fu la prima tomba del santo.  Galgano, un giovane cavaliere nato nel 1147, non lontano da Siena, abbandonò la veste di cavaliere, infisse la sua spada nella roccia per farne una croce, e si ritirò a fare l’eremita dopo una visione dell’Arcangelo Michele e degli Apostoli.   Da più di ottocento anni, quella spada è lì, come simbolo della conversione del giovane cavaliere. 

0 comments on “San Galgano… the sword in the stone and Calici d’InvernoAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *