PUGLIA – Orecchiette Rucola e Pachino ** Orecchiette pasta, rocket salad and cherry tomatoes

Puglia

Puglia

Apulia or Puglia – Orecchiette pasta with rocket and cherry tomatoes

Puglia, from Latin Apulia, is a region of Italy that borders with Molise, Campania, Basilicata and is on the Adriatic Sea and the Ionian Sea.  It’s in the southern part of Italy and is also called the boot of Italy.  It has about 800 kms of rocky coastline and gorgeous beaches, while inland it has plains, hills and karstic landscapes.  The climate is typically Mediterranean with warm but breezy summers and mild winters.  Visitors find many enchanting natural sites to visit; much history, especially from the Renaissance and Baroque periods; traditional feasts and festivals; and a variety of cuisine to satisfy everyone’s taste.

One of the most emblematic signs of the farming culture in this area are the fascinating masserie, the manor farms.  From Latin “maseria”, these are found everywhere in the countryside, and were built to protect the farm owners, called massari, and their workers, but also to make the management of large farm estates easier.  They are dwellings surrounded by walls where one can find the manor house, the farmer’s quarters, the work areas, the chapel, the storage spaces for the tools, the animal feed and the crop harvests.  Within the walls there is usually a courtyard, a barnyard, the stables, the breeding areas and large gardens.  Some resemble noble palaces while others look like castles, and many of them have been renovated and are used today to accommodate tourists.

There are many delightful constructions in Puglia, and all have their particular charm.  Who hasn’t seen a trullo-roofed house at least in a poster or guide book?  From the Greek “trullus” , which means dome, these homes were built by the farmers using the karst stone that is so abundant in the region.  These flat stones called chiancarelle were placed one on top of the other and elevated in concentric circles that were narrowed off all the way to the top forming a dome.  The larger flat stones were used, instead, to pave the floors.  The town of Alberobello (UNESCO World Heritage since 1996), for example, has two areas where the trulli line the tiny streets, creating a magical and unique atmosphere.  It was created in the mid-17th century when the feudal lords were obliged to pay a tribute to the king when building living spaces.  In order to avoid paying taxes, the lords in this area allowed their farmers to build their homes in such a way that they could be easily demolished in case of royal inspection.

Lecce is a city of art known, as the Florence of the South or Baroque Florence, where one can admire the remains of ancient Mycenaean and Roman origin, in addition to the rich Baroque.  During the Kingdom of Naples, the originality of the architecture and the rich décor of the building facades developed in such a way that the definition barocco leccese (Baroque of Lecce) was created.

Brindisi, instead, is a city that has had a great commercial and cultural importance in history, thanks to its position towards the East and its natural port on the Adriatic Sea.

Taranto was the only Spartan colony outside the Greek territory and is known as the city of two seas, but also called the land of dolphins, thanks to the dolphin colony that formed many years ago beyond the small islands of San Pietro and San Paolo.

Bari has always had a strong merchant marine tradition and is an important outlet for trade with eastern Europe and the Middle East, as well as a tourists’ port of call for the Adriatic.

Other important places to visit are Gallìpoli, the Pearl of the Ionian Sea;  the Gargano National Park, a natural protected area in the extreme north-eastern part of the region, referred to as Italy’s spur; the Trèmiti islands, an archipelago of the Adriatic, 22 kms north of the Gargano promontory and one of the most important tourist destinations of the entire region.  It has often  received the Blue Flag from the Foundation for Environmental Education.

When we talk about the cuisine in this area, the first things that come to mind are orecchiette (little earlobe-shaped pasta), the friselle (a twice-baked bread shaped like a large doughtnut) and the taralli (cracker type ring-shaped dough with the texture of a breadstick).  Among the very popular culinary ingredients here we find durum wheat, vegetables and olive oil, that combined with meat and fish, give us a number of unique dishes.  There are numerous variations of homemade pasta that make surprising dishes when combined with legumes and vegetables such as cabbage, string beans and tomatoes.  Worthy of mention are the delicious fish soups with sheep’s milk cheese, the dried meats, the sheep ricotta, the soft curd cheese called giuncata, the burrata (the one made in Andria is very famous), which is a fresh cheese made from mozzarella and cream, and the well-known pecorino, a hard, salty, sheep’s milk cheese.  For the sweet-tooths there is dried fruit, cooked sweet wine, candied fruit, chocolate, almond cakes, the typical honey-covered, fried cakes called cartellate, or the zeppole, deep-fried dough pastries, and quince jelly.  All these can be enjoyed accompanied by a variety of excellent wines because this region is nicknamed the wine cellar of Italy, and boasts 25 DOC wines (designation of origin guarantee).

Stracciatella
Stracciatella
Burrata
Burrata

orecchiette-rucola-e-pachino

Here’s how to make a simple yet tasty dish of orecchiette with rocket and cherry tomatoes.

Ingredients:

Cherry tomatoes

Plenty of rocket salad

Olive oil

Garlic, salt, pepper or hot pepper

Orecchiette

We simmer a clove of garlic in the olive oil in a large frying pan, and when it’s golden, we add the tomatoes, the salt and pepper.  In the meanwhile, we’ve put the water to boil, and when it boils we add the salt, the rocket and the orecchiette.  When the pasta is done we drain it, put it in the frying pan with the tomatoes, mix, add more chopped rocket and. . . serve!

******************************************************************************

Puglia, dal Latino Apulia,  è  la regione italiana che confina con il Molise, la Campania, la Basilicata ed è bagnata dal Mare Adriatico e il Mar Ionio.  Ha circa 800 km di costa con rocce e bellissime spiagge, mentre all’ interno è pianeggiante, collinare e gran parte del territorio è di natura carsica.  E’ una regione incantevole che offre al turista meraviglie della natura, con le sue splendide spiagge; della storia, con luoghi che raccontano la sua preistoria, il Rinascimento e il Barocco; della tradizione, con la sua musica popolare delle feste e sagre; del suo gusto, con la sua cucina semplice che sa soddisfare ogni palato.

Un emblema della civiltà contadina legata alla storia Pugliese sono le meravigliose masserie, dal latino “maseria”, cioè l’insieme delle parole campagna e casa, oppure dal latino “massa” cioè insieme di fondi.  Sono grandi aziende agricole abitate sia dai proprietari terrieri che dai contadini, e furono costruiti con una funzione difensiva, ma anche per assicurare una buona amministrazione dei grandi appezzamenti di terra.  Nelle masserie c’era la parte abitativa del signore, chiamato “massaro”, colui che era responsabile del fondo agricolo, e gli alloggi dei contadini, la zona lavorativa, la cappella, e i depositi per attrezzi, foraggi e raccolti.  Erano circondati da spessi muri di protezione, e nella parte centrale c’era il cortile, l’aia, le stalle, i locali per gli animali da allevamento, e grandi giardini.  Alcuni assomigliano a palazzi gentilizi, mentre altri a castelli, si trovano tra le strade statali e in mezzo alle campagne, e oggi tante sono state restaurate e destinate al turismo.

Di costruzioni meravigliose se ne vedono tante in Puglia, e ognuna ha il suo fascino particolare.  Chi non conosce quelle con il tetto a trullo, dal greco “trullus” cioè cupola, costruita abilmente dai contadini usando la pietra calcarea, la materia prima più abbondante della zona.  Queste pietre calcaree piatte, chiamate chiancarelle, venivano posate a secco, una sull’altra, elevate in cerchi concentrici che si restringevano fino a chiudere la volta conica. Le chianche, invece, venivano usate per creare la pavimentazione del trullo.  La cittadina di Alberobello (dal 1996 Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO) per esempio, ha due quartieri dove i trulli si susseguono lungo viuzze e stradine creando una magica atmosfera unica al mondo che.  Risale alla seconda metà del 17° secolo e in quell’epoca i feudatari dovevano pagare un tributo al re per la costruzione di centri abitativi.  Quindi i feudatari del posto autorizzarono i contadini a costruire il villaggio senza usare la malta, così da poterlo demolire velocemente in caso di ispezione regia. 

Lecce, città d’arte conosciuta come “la Firenze del Sud” o “Firenze del Barocco”, dove si possono ammirare resti delle sue antiche origini messapiche, come anche resti della dominazione romana miste alla ricchezza del barocco. Durante il Regno di Napoli, l’originalità dell’architettura e l’arricchimento decorativo delle facciate si sviluppò a tal punto che si usa la definizione di barocco leccese.

Brindisi, invece, è la città che ha rivestito storicamente un importante ruolo commerciale e culturale, grazie alla sua fortunata posizione verso Oriente e al suo porto naturale sul mare Adriatico.

Taranto, unica colonia di Sparta al di fuori del territorio della Grecia, è conosciuta come la “Città dei due mari”, ma è anche chiamata “Terra dei delfini” per lo storico insediamento di un gruppo di cetacei oltre gli isolotti di San Pietro e San Paolo.  

Bari ha una solida tradizione mercantile ed è sempre stata importante per il commercio con l’Est Europa e il Medio Oriente, nonchè importante scalo per turisti del mare Adriatico.

Altri luoghi  da visitare sono Gallìpoli, la Perla dello Ionio; il Parco Nazionale del Gargano, un’area naturale protetta che si trova nell’estrema parte nord-orientale, spesso definita “Sperone d’Italia”;  e le Isole Trèmiti, un arcipelago del mare Adriatico, a 22 km a nord del promontorio del Gargano, uno dei centri turistici più importanti dell’intera regione, al quale è stato più volte assegnato il riconoscimento della Foundation for Environmental Education, la Bandiera Blu.

Quando si parla della cucina Pugliese vengono in mente subito le orecchiette, le friselle e i taralli.  Tra i punti di forza della cucina di questa zona troviamo il grano duro, le verdure e l’olio salentino, che insieme alla carne e il pesce danno vita a piatti inconfondibili. Pensiamo alle molteplici varianti della pasta fatta in casa, che unite ai legumi e alle verdure come il cavolo, i fagiolini, i pomodori creano piatti sorprendenti.  Per non parlare delle deliziose zuppe di pesce accompagnate al cacio, delle carni essiccate, la ricotta di pecora, la giuncata, la burrata (famosa quella di Andria) e il pecorino. Per i più golosi c’è la frutta secca, il vino cotto, i canditi, il cioccolato, e i dolci tipici come le cartellate fritte e ricoperte di miele, le zeppole, la cotognata, e i dolci alla pasta di mandorle.  Tutte queste pietanze fantastiche possono essere accompagnate dagli ottimi vini locali di questa regione soprannominata la “cantina d’Italia” che vanta 25 vini DOC.

Come non dedicare alla Puglia una semplice e gustosa ricetta per le Orecchiette Rucola e Pachino?

Ingredienti:

Pomodorini
Rucola (abbondante)
Olio
Aglio
Sale, pepe o peperoncino
Orecchiette

In una padella soffriggiamo uno spicchio d’aglio, e quando sarà imbiondito, aggiungiamo i pomodorini interi, il sale e il pepe. Mettiamo l’ acqua a bollire, e quando bollirà mettiamo il sale, la rucola e la pasta. A cottura ultimata la scoliamo, la versiamo nella padella con i pomodorini, diamo una mescolata, aggiungiamo altra rucola leggermente sminuzzata e. . . portiamo in tavola!

0 comments on “PUGLIA – Orecchiette Rucola e Pachino ** Orecchiette pasta, rocket salad and cherry tomatoesAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *