The Lucca Buccellato… for Logan Guleff, our favourite young chef

(Photos: Buccellato, Logan age 4 making pasta, Logan teaching youths how to make pasta, Logan relaxing, Logan’s great-grandfather on his mother’s side)

It is unquestionable that society, families and childhood have changed drastically over the past 50 years.  Family structures have changed and even the values, life goals and outlooks are dramatically different. We have become a society that relies on televisions, cell phones, radios, and computers.  Few children today know the joy of kicking a ball in the street, or using their imagination to invent a game with whatever odd objects they find around the house, or the thrill of playing hide and seek in a park.  We tend to say that life for children today is more difficult than in past, and in many ways it might be so, but we don’t want to focus here on the pros and cons of growing up in the past or the present.  What we cannot deny, however, is that children today do have opportunities to prove themselves and excel in fields that they are good at.  With a quick internet search we can find names of illustrious child prodigies of the past, many of whom had to struggle to find their place in the world.  Today, it’s not so complicated. 

Nowadays, every aspect of our life is definitely more competitive than in the past, and it’s difficult to protect our children from competitive situations.  Healthy competition, however, can teach youths valuable lessons which will help them throughout their lives.  They can learn the importance of following rules, how to be a good winner and a good loser, and the importance of how to do one’s best when facing a challenging situation.

Arguably, the greatest and most influential invention of the 20th century, perhaps with the exception of the internet, is the television.  It had humble beginnings and was met with quite a bit of scepticism… few people believed that it would actually change our lives and our view of the world.  Since its early days, the television has evolved and in recent years has changed drastically.  Today we are all captivated, and far too many people are more attached to their television than anything else.  Manufacturers, broadcasters, producers, etc. work unrelentingly to find new ways to bring us more and better entertainment.  We have television sets in all sizes, we have special effects, programmes geared towards children and teenagers, we have more channels than we can actually watch, everyone can pretty much find something to watch at any time of the day or night.  We have countless channels and programmes… news, sports, talk shows, documentaries, films, music shows, game shows, talent shows, home improvement, and a genre which has become increasingly popular, reality TV.  A television show that was created in 1990 in the United Kingdom, and is today extremely popular around the world, is the competitive cooking show, MasterChef, and the version created and adapted for children, Junior MasterChef.  Children cook recipes for the chef judges in front of TV cameras and audiences.  The young winners win a trophy and money.

Undoubtedly, this type of programme makes cooking look enjoyable for both adults and children.  Besides, it provides role models and teaches children about different ingredients, how these can be used, and also kitchen skills.  A very positive aspect is that it also encourages children to appreciate good food, choosing this in place of convenient fast food.  The focus is on flavour, pleasure and enjoyment for the senses of taste, sight and smell.  It’s great to see so many children interested in cooking and creating new dishes, and this type of programme encourages parents and children to experience the special bonding that the joy of cooking together as a family can bring.

We wish to dedicate this recipe, the Buccellato, to a truly likeable and clever young boy, Logan Guleff, winner of the 2014 MasterChef Junior competition (the American series based on the format of the U.K. series Junior MasterChef) and his family.  Logan lives in Tennessee with his parents, Tom and Kim, and is a truly remarkable boy who started to cook when he was two years old.  He entered his first contest at age nine, and besides being a chef and winner of numerous competitions, he is a blogger, a certified judge, a spokesperson, a creator of foods, and works with various charities.

We are happy to know that some of his ancestors were Italian.  In fact, his mother’s grandfather was from the quaint little hamlet of Fiano di Pescaglia, of ancient Roman origin, situated about 500 metres above sea level.  Known by Italians as Fiano, it lies in a region that has always been a farming and livestock rearing area, but also important for silkworm breeding.  This region is famous for the silk spinning mills and silk production, as well as the numerous crystal-clear water springs, chestnut trees, olive groves and green grazing fields.  It is situated just a short drive from the seaside and a 30-minute drive from the lovely city of Lucca, a gorgeous Tuscan town enclosed by medieval walls that look over towers, squares and green parks.  Lucca gets its fair share of tourism, and offers all those who visit it the finest foods and charming atmosphere. 

As some may know, the historical affluence of the Italian regions could once be determined by the type of pasta that was produced.  The poorer regions produced a pasta with a simple mixture of flour and water, while the wealthier ones added a few eggs and maybe some olive oil, thus creating a pale yellow pasta.  The bright yellow pasta, with lots of eggs and stuffed with seasoned meat, such as the tortellini, was definitely for the wealthy.  Lucca was a wealthy city thanks to its banking and the very prosperous silk trade, therefore, it’s cuisine was just as rich.   Today, Lucca’s cuisine maintains its fame and has many local specialties, such as barley soup with beans, fried meats and fish, wild boar, a variety of vegetables cooked in every way, and, of course, their popular desserts. 

We have chosen the ever-popular Buccellato to dedicate to Logan and his wonderful family.  This delicious cake, made with raisins and anis seeds, was first created in the mid-1400s and is Lucca’s most traditional cake.  The name comes from the Latin word “buccella” which means mouthful.  It is quite simple with its sweet and soft inside, full of raisins and anis seeds, and the sugar-and-egg-coated outside that gives it a golden shine. An old saying in Lucca goes more or less like this… if you go to Lucca and don’t eat the Buccellato, it’s as if you were never there.  We hope that Logan and his family will someday soon visit Italy, the region of his ancestors, and enjoy a nice slice of Buccellato… in the meanwhile, here is the recipe so Logan can make it himself and feel a little closer to his Italian roots!   

Buon Appetito!
Ingredients

500 gr of flour
150 gr of sugar
50 gr of butter
20 gr of brewer’s yeast
1 glass of milk
50 gr of raisins – 2 tsps of anis seeds

1 egg – a pinch of salt

A beaten egg mixed with sugar to brush on top

We begin by mixing the flour, the sugar, the softened butter, the yeast and one of the eggs in a bowl.  We soften the dough with the milk and a little bit of lukewarm water, then we add the pinch of salt.  We slowly mix in the raisins that we have previously soaked in warm water, then the anis seeds.  The dough is left to rise for approximately two hours, covered with plastic wrap or a dampened kitchen cloth.   When it has risen, we shape the dough into a large doughnut, or into two loaves, we make some small cuts on the top, cover it, and put it in a place to rise again until it doubles in size.  When it is ready, we heat the oven at 130° then we brush the top with the egg and sugar mix.   When the oven is nice and warm, we bake our Buccellato at 170° for about 40 minutes. It’s delicious for dessert, as a snack, or for breakfast… accompanied by a nice hot Italian cappuccino!  🙂

If you want to know more about Logan Guleff, here’s where you can find him:

Website: http://www.loganguleff.com/
Blog: http://orderupwithlogan.blogspot.com/
Instagram http://instagram.com/Logan.Jr.Chef
YouTube: https://www.youtube.com/c/JuniorChefLogan
Facebook: https://www.facebook.com/LoganJuniorChef
Twitter: https://twitter.com/LoganJrChef
YouTube (subscribe) : http://tinyurl.com/ojtd2vg

***********************************************************************

E’ innegabile che la società, la famiglia e l’infanzia hanno subito un cambiamento drastico negli ultimi 50 anni.  La struttura della famiglia, i valori, gli obiettivi e la mentalità sono cambiati moltissimo.  Viviamo in una società che dipende molto dalla televisione, i cellulari, la radio e i computer.  Pochi bambini oggi conoscono la gioia di prendere a calci un pallone per strada, o l’emozione di giocare a nascondino in un parco, oppure sanno usare la loro fantasia per inventare giochi con qualsiasi tipo di oggetto trovato in giro per casa.  Tendiamo a dire che la vita dei bambini oggi è molto più difficile di quelli del passato, e per molti versi é così, ma noi non vogliamo concentrarci su i pro e contro del crescere nel passato o nel presente.  Indubbiamente oggi i bambini hanno molte più opportunità di affermarsi ed eccellere in quei campi dove sono più portati.  Una veloce ricerca in internet ci conferma che ci sono stati numerosi bambini prodigio in passato, molti dei quali hanno dovuto lottare non poco per trovare il loro posto nel mondo.  Oggi questo è meno complicato.

Ogni aspetto della nostra vita, oggigiorno, è sicuramente più competitivo che in passato ed è difficile proteggere i nostro figli dalle situazioni di competitività.  Una sana competizione, comunque, può aiutare i bambini ad imparare delle lezioni preziose che li aiuterà nel corso della vita.  Possono imparare a seguire le regole, ad essere bravi vincitori e bravi perdenti, e l’importanza di dare il meglio quando si trovano faccia a faccia con una sfida.

La televisione è probabilmente la più grande invenzione del 20° secolo, e quella che ha più influenzato la nostra vita, fatta eccezione per internet.  Dalle sue umili origini, quando fu vista con scetticismo dalle tante persone che dubitavano che avrebbe potuto cambiare la nostra vita e come vediamo il mondo,  si è evoluta drasticamente.  Oggi siamo tutti catturati da questo apparecchio, e fin troppe persone sono attirati dalla loro TV più di qualsiasi altra cosa.   Fabbricanti, produttori, emittenti, ecc. lavorano incessantemente per trovare nuovi modi di offrici sempre più e migliore intrattenimento. Abbiamo televisori di ogni misura, abbiamo effetti speciali, programmi mirati per bambini e adolescenti, abbiamo più canali di quanti ne possiamo vedere, insomma, ognuno può tranquillamente trovare qualcosa da guardare in qualsiasi momento del giorno o della notte.  Abbiamo una infinità di canali e programmi… notizie, sport, talk show, documentari, film, spettacoli musicali, giochi a premi, talent show, programmi di ristrutturazione della casa, e un genere che è diventato sempre più popolare, il reality.  Un programma che fu creato nel 1990 nel Regno Unito, estremamente popolare nel mondo oggi, è il programma di gara di cucina MasterChef, e la versione creata e adattata per bambini, Junior MasterChef.  I bimbi cucinano ricette per i giudici chef, davanti alle telecamere e il pubblico.  I giovani vincitori vengono premiati con trofei e somme di denaro.

Certamente questo tipo di programma rende cucinare molto più divertente per grandi e piccoli.  Tra l’altro offre ai bambini modelli da seguire e insegna loro l’esistenza di diversi ingredienti, come questi possono essere usati, e abilità pratiche di cucina.  Un aspetto molto positivo è che incoraggia i bambini ad apprezzare il buon cibo e a scegliere questo al posto del fast food.  Il programma concentra l’attenzione sui sapori, il piacere, e la gioia del palato, la vista e l’odorato.  E’ fantastico vedere tanti bambini interessati alla cucina e la creazione di nuovi piatti, e questo tipo di programma incoraggia le famiglie a volere assaporare quel prezioso legame che si crea quando si cucina tutti insieme.

Noi vogliamo dedicare questa ricetta, il Buccellato lucchese, ad un bambino davvero simpatico e intelligente, Logan Guleff, vincitore della gara MasterChef Junior 2014 (la versione americana basata sul format britannico di Junior MasterChef) e alla sua famiglia.  Logan vive nel Tennessee con i suoi genitori, Tom e Kim, ed è veramente un bambino notevole che iniziò a cucinare quando aveva due anni.  Ha partecipato a molte gare fin da quando aveva nove anni, e oltre ad essere uno chef e vincitore di molte gare culinarie, è un blogger, un giudice abilitato, un portavoce, un creatore di cibi, e lavora con varie organizzazioni benefiche.

Abbiamo saputo con molto piacere che i suoi antenati sono italiani.  Infatti, il nonno di sua madre era di un piccolo borgo di origini antiche Romane di nome Fiano di Pescaglia, a 500 metri sul livello del mare, e non lontano dal mare.  E’ un borgo che si basa sull’agricoltura, la pastorizia, l’allevamento di bachi da seta e produzione di seta, e in passato esistevano tantissime filande nella zona.  In questa regione ci sono numerose sorgenti cristalline, castagneti, uliveti, e pascoli verdi.  Si trova a 30 minuti circa da Lucca, un fiore all’occhiello della Toscana, suggestiva città circondata da splendide mura medievaly, torri, piazze e parchi verdi.  Lucca offre ai suoi numerosi visitatori la possibilità di gustare ottimi cibi in un atmosfera incantevole.

Come molti sapranno, in passato il benessere economico di una regione italiana si poteva capire dal tipo di pasta che veniva prodotta.  Le regioni più povere producevano una pasta fatta con la semplice miscela di farina e acqua, mentre le zone più ricche creavano una pasta di colore giallo chiaro aggiungendo qualche uovo e magari dell’olio di oliva.  La pasta molto gialla, fatta con molte uova e magari anche farcita con carni stagionate, come per esempio i tortellini, era certamente delle regioni più danarose.  Grazie alle sue banche e fiorente commercio della seta, Lucca ha sempre avuto una cucina ricca e gustosa, e oggi mantiene la sua fama con numerose specialità come la zuppa di farro e fagili, carni, pesce, fritti, arrosti, verdure di ogni tipo, e i popolari dessert.

Noi abbiamo deciso di dedicare a Logan e alla sua meravigliosa famiglia il caratteristico Buccellato, ciambella dolce tipica a base di farina, uova, semi di anice, e uvetta, che risale alla metà del 1400.  Il nome viene dal Latino “bucellatum”, buccelli o bocconi, ed è un dolce semplie e gustoso con all’interno una pasta dolce e morbida ricca di uvetta e anice, e un esterno bruno dorato e lucido grazie alla spennellatura con uovo e zucchero.  Un detto lucchese dice più o meno così… se vai a Lucca e non mangi il Buccellato, è come se non ci fossi mai stato.  Noi speriamo che Logan e la sua famiglia possano presto visitare l’Italia, la regione dei suoi antenati, e assaggiare una bella fetta di Buccellato… nel frattempo ecco la ricetta così Logan la può fare lui e sentirsi un pò più vicino alle sue radici italiane!  

Buon Appetito!
Ingredienti

1 uovo

500 gr di farina
150 gr di zucchero
50 gr di burro
20 gr di lievito di birra
1 bicchiere di latte
50 gr di uvetta

2 cucchiaini di semi di anice

Un pizzico di sale

Un uovo battuto con zucchero da spennellare sopra

Iniziamo mischiado in un bowl la farina, lo zucchero, il burro fuso, il lievito e un uovo.  Ammorbidiamo il tutto con il latte and un pò d’acqua tiepida, poi aggiungiamo il sale.  Lentamente aggiungiamo l’uvetta precedentemente ammollata in acqua calda, poi i semi di anice.  Lasciamo l’impasto nel bowl coperto con pellicola o un panno da cucina umido, a temperatura ambiente per almeno due ore.  Quando sarà cresciuto, facciamo la forma che preferiamo, ciambella o filone, facciamo dei piccolo tagli in superficie, lo copriamo, e lasciamo crescere di nuovo finchè non avrà raddoppiato.  Quando è pronto, riscaldiamo il forno a 130°, spennelliamo la superficie con l’uovo battuto con lo zucchero, e quando il forno è ben caldo inforniamo il nostro Buccellato a 170° per circa 40 minuti.  E’ delizioso come dessert, come snack oppure colazione… accompagnato da un bel cappuccino caldo italiano! 🙂

Per saperne di più su Logan Guleff, ecco dove potete seguirlo:

Website: http://www.loganguleff.com/
Blog: http://orderupwithlogan.blogspot.com/
Instagram http://instagram.com/Logan.Jr.Chef
YouTube: https://www.youtube.com/c/JuniorChefLogan
Facebook: https://www.facebook.com/LoganJuniorChef
Twitter: https://twitter.com/LoganJrChef
YouTube (subscribe) : http://tinyurl.com/ojtd2vg

 

 

0 comments on “The Lucca Buccellato… for Logan Guleff, our favourite young chefAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *