Danubio a modo nostro

Danubio
Danubio

Il suo nome può fare venire in mente luoghi lontani, ma le origini del danubio sono da ricercare nell’antica cultura culinaria partenopea.  Ha un impasto molto soffice ed è un misto tra una brioche, un baba’ e un casatiello.  La sua particolarità consiste nell’essere formato da una serie di palline che racchiudono un goloso ripieno nel loro interno.  Si può realizzare sia dolce che salato.  L’impasto classico prevede burro e uova ma noi preferiamo la nostra versione più leggera.

Ingredienti

500 gr farina (W350 o Manitoba)

300 ml circa di latte tiepido

100 ml di olio di oliva

12 gr di lievito di birra

mezzo cucchiaio di sale

mezzo cucchiaio di zucchero o malto

Iniziamo sciogliendo il lievito nel latte, man mano aggiungiamo la farina, e quando l’impasto assumerà l’aspetto di una pastella aggiungiamo lo zucchero.  Uniamo la restante farina e il sale alla fine.  Lavoriamo molto bene l’impasto fino a quando non sarà più appiccicoso.  A questo punto aggiungiamo l’olio e continuiamo a lavorarlo.  Quando è pronto lo mettiamo in una ciotola coperta da pellicola, fino al suo raddoppio.  Riprendiamo poi l’impasto, lo rovesciamo su una spianatoia e formiamo tanti piccoli panini di circa 30 grammi ognuno.  Imburriamo uno stampo rotondo, prendiamo un panino alla volta e poniamo al suo interno il ripieno, lo chiudiamo molto bene e con la parte chiusa sotto lo mettiamo nello stampo.  Andranno messi un po’ distanziati, in modo che con la seconda lievitazione dovranno unirsi.  Una volta lievitati, spennelliamo il danubio con un uovo intero e il latte e lo cuociamo a 180° fino a doratura.

Cosa mettiamo nel ripieno?  Beh, quello che più ci piace . . . è ottimo con provola e speck, gorgonzola e noci, mortadella e stracchino, provolone e salamino piccante . . . la cosa importante è non utilizzare ingredienti umidi altrimenti il risultato non sarà perfetto.

Ottimo in versione dolce ripieno con crema di nocciole o marmellata! 🙂

**********************************************************

Our version of the Danubio

The name might sound like it comes from a faraway land, but in reality the danubio is a typical recipe from the south of Italy.  The dough is soft and is similar to a brioche, a babà and a casatiello.  Its peculiarity is that it is made up of many little balls of dough that are filled with either sweet or savoury fillings.  It originally calls for butter and eggs but we prefer to make a lighter version.

Ingredients

500 grams of strong flour or Manitoba

300 millilitres of warm milk

100 millilitres of olive oil

14 grams of bread yeast

1/2 tbsp of salt

1/2 tbsp of sugar or malt

First we put the yeast and the flour in a large bowl, then we add the milk and when this is all mixed well we add the sugar and the salt.  We knead the dough until it is soft and smooth then we add the oil and continue to knead. We leave it to rise in the bowl covered with plastic wrap, until it doubles in size. We then take our dough and put it on the work table and create little balls or rolls about 30 grams each.  We grease a baking pan and place each roll in it after we have put inside each one the filling of our choice.  We seal each one well and place the sealed part on the bottom of the pan.  There needs to be a bit of space between each roll so that they can stick together while placed to rise for the second time before putting them in the oven. Once they’ve risen, brush the tops with a beaten egg mixed with milk and bake at 180° until golden.

What should we put inside the rolls as a filling?  Well, whatever you like . . . they are great with provola cheese and smoked ham, gorgonzola and walnuts, mortadella (boloney) and cream cheese, provolone cheese and spicy salame. . . the most important thing is that you don’t use wet ingredients or else the dough becomes too moist and the final result won’t be perfect.

The sweet version filled with hazelnut cream or jams is fabulous! 🙂

0 comments on “Danubio a modo nostroAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *