Ciambelline al vino di farina di farro ** Spelt wine biscuits

Ciambelline al vino di farina di farro
Ciambelline al vino di farina di farro

Uhmmm il farro, che bontà!  Per chi non lo conoscesse, è considerato il più antico tipo di frumento coltivato.  La maggior parte del farro coltivato in Italia è il farro medio, mentre il farro grande, anche chiamato farro spelta, arriva da altri Paesi Europei, soprattutto la Francia.  Nel corso dei secoli la sua coltivazione è andata pian piano riducendosi ed è stata soppiantata dal comune grano tenero e dal grano duro.  La sua produzione oggi viene associata soprattutto all’agricoltura biologica e il consumo del farro rappresenta un’interessante variante nella nostra alimentazione.  Ha un maggior contenuto proteico rispetto ad altre tipologie di frumento ed è un cereale ricco di vitamine e di sali minerali, ma povero di grassi.  Quello integrale presenta un contenuto di fibre più elevato rispetto al farro perlato. Le fibre aiutano a favorire il transito intestinale contribuendo all’eliminazione delle scorie.  Il farro garantisce un apporto calorico piuttosto basso, è più digeribile del grano duro e del grano tenero, ed è un alimento saziante.

Per la nostra ricetta oggi usiamo la farina di farro.  Le ciambelline al vino sono un fine pasto sempre gradito  E’ un tipico dolce del Centro Italia, soprattutto nelle zone dove la produzione del vino è abbondante.  Non esiste una ricetta precisa, anzi ce ne sono innumerevoli di versioni visto che fa parte di una categoria di dolci molto popolare e ogni famiglia custodisce la propria ricetta preferita.   Fondamentale è la qualità degli ingredienti, infatti, devono essere ottimi sopratutto il vino e l’olio di oliva.

Ovviamente noi custodiamo la nostra ricetta in versione sana.  Sono fatti con la farina bianca di farro, sono facilissime da preparare, e sono gustose accompagnate ad un buon vino.  In base ai gusti personali, si possono scegliere tra i vini bianchi o rossi, sia dolci naturali che frizzanti.  Visto che noi viviamo a Roma, preferiamo un buon passito rosso, come l’Aleatico di Gradoli (Lazio), oppure un vino rosso rubino e vellutato, come il Cesanese (Lazio).

Iniziamo setacciando la farina con il lievito in una  ciotola piuttosto grande, mentre in un’ altra, più piccola, versiamo il vino, lo zucchero e il sale, sciogliendo bene il tutto.  Aggiungiamo l’olio, poi uniamo il liquido alla farina, mescoliamo bene e iniziamo ad amalgamare gli ingredienti fino a quando il risultato sarà morbido e lavorabile.   La dose di olio presente nell’impasto farà in modo che questo dopo poco sarà più facile da lavorare.

Quando il nostro impasto è pronto, lo facciamo riposare dopo avere creato dei lunghi salsicciotti dello spessore di un dito.  Li tagliamo poi più piccoli e li uniamo alle estremità formando le ciambelline.  Lasciamo cadere un pò di zucchero sulla loro superficie e le mettiamo ben distanziate su una placca per biscotti.   Vanno cotti a 180° per 25 minuti circa e la loro colorazione deve essere preferibilmente più scura che chiara.

Ingredienti

700 gr circa di farina di farro

1 bustina di lievito per dolci

200 ml di vino rosso

200 gr di zucchero

1 cucchiaino di sale

180 ml di olio evo

********************************************************************

Ring-shaped biscuits with spelt flour and wine

Uhmmm spelt is really good!  For those of you who aren’t familiar with this grain, it is considered the oldest among the cultivated types of wheat.  Most of the spelt cultivated in Italy is medium size, while the large size is imported from other European countries, mainly France.  Over the centuries the cultivation of this grain has slowly decreased and has been replaced by the soft wheat and the durum wheat.  Today it can be found mainly in the organic farming places and it represents an interesting alternative for our nutrition.  It contains more protein compared to other wheat and is rich in vitamins and minerals but low in fat.  Whole wheat spelt contains even more fiber than processed spelt, and it is a known fact that this is good for the proper functioning of our intestine.  It is lower in calories, it is more digestable than soft wheat and durum wheat and is more filling.

We are going to use spelt flour for our ring-shaped wine biscuits today that are really nice as an after-dinner treat.  It is a typical sweet of the central regions of Italy where wine production is abundant and there are many different recipes for making them.  Every region, every family, and every wine-producer’s family has their  favourite recipe. It is very important to use top quality ingredients, above all excellent wine and olive oil.

We’ve decided to make a healthy version using spelt flour and a really good red wine from our region.  Since we live in Rome, we have chosen a delicious passito wine (the grapes are left to dry a bit more than usual before being pressed) called Aleatico di Gradoli, or you can use another red from the same region called Cesanese, both excellent!   These biscuits are very easy to make and based on your own personal taste you can use red wine, white wine, sweet, dry or bubbly.

We sift the flour and the yeast and place them in a large bowl while in a smaller bowl we mix the wine, the sugar, the salt and the oil, and after mixing these well, we combine all the ingredients.  We stir until they are well mixed and soft, the oil is what makes it soft, then we let the dough sit for a while after we have rolled it into many long sausage shapes the size of a finger.  We then cut smaller sausage shapes and create our little ring-shaped biscuits. We sprinkle some sugar on top and place them on a baking sheet leaving enough space between each one.  They need to bake for about 25 minutes at 180° and the colour will be a bit dark when they are done.

Ingredients

700 grams of spelt flour

14 grams of baking powder for desserts

200 millilitres of red wine

200 grams of sugar

1 tsp of salt

180 millilitres of extra virgin olive oil

0 comments on “Ciambelline al vino di farina di farro ** Spelt wine biscuitsAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *