Strozzapreti veloci semintegrali

Strozzapreti
Strozzapreti

Quali sono i vantaggi dei cibi integrali?  Forse alcuni anni fa avremmo risposto che i prodotti integrali fanno bene alla salute ma male al palato!  Beh, con il tempo e il loro utilizzo abbiamo scoperto che non è così.  I cereali integrali possiamo trovarli sotto forma di chicco o farina.  Troviamo il riso, l’orzo, il farro, la quinoa, ecc.  sia in chicchi che in farina.  I vantaggi vanno in gran parte ricondotti all’aumentato apporto di fibra.  Infatti, la farina integrale aumenta il senso di sazietà e facilità il transito intestinale, riducendo l’assorbimento di grassi, cosa non da poco.   Altro fattore importante è che questi cibi hanno un indice glicemico ed un contenuto calorico inferiore rispetto ai cereali raffinati.  Diamo sempre la preferenza ai prodotti integrali biologici perché la parte esterna del chicco, che viene normalmente asportata durante la raffinazione, è la più esposta alle sostanze chimiche utilizzate in agricoltura.  Per questo motivo è bene accertarsi della provenienza dell’alimento integrale acquistato, per evitare di assumere sostanze dannose.  Fortunatamente, oggi non sono più prodotti di nicchia ma diversi supermercati hanno linee biologiche. Quali sono gli svantaggi?  I cibi integrali sono meno conservabili ed in generale risultano meno appetibili dei raffinati.  Possono sembrare anche strani al nostro palato ma vi assicuriamo che, per esempio, la pasta integrale esalta il sapore delle verdure e un orzo integrale in una minestra è veramente adorabile!  Abbiamo sempre amato preparare la pasta in casa e per i nostri strozzapreti l’utilizzo della farina integrale si è rivelato positivo, sia sotto il profilo del gusto che della consistenza.  L’origine del nome strozzapreti non è chiara ma la leggenda vuole che le donne romagnole preparavano questo tipo di pasta per offrirla al prete del paese, mentre i mariti, che amavano un po’ meno la figura ecclesiastica, erano soliti augurare al prete di “strozzarsi” mentre si gustava la minestra.  Questa pasta noi la chiamiamo così anche se la sua forma è più lunga degli strozzapreti tradizionali e somiglia di più ai bigoli veneti o ai lombrichelli dell’alto Lazio.  Una cosa è certa… in pochissimo tempo si ottiene un prodotto gustoso e versatile che si accompagna bene con il ragù, con i porcini, con i frutti di mare oppure, come si vede nella nostra foto, con un semplice sugo di basilico.

Dosi per 4 persone:

150 gr di farina integrale di frumento

150 gr di semola rimacinata di grano duro

1 uovo intero

sale

acqua q.b.

Impastare  tutti gli ingredienti aggiungendo lentamente l’ acqua un poco alla volta.   Lavorare molto bene l’impasto e finito ciò lasciarlo riposare coperto e a temperatura ambiente.  Con la macchina della pasta Imperia, utilizzando la trafila TRENETTE, tagliare l’impasto in piccole fette, infarinarle molto bene e  lavorarle nella trafila.  Lessarle in abbondante acqua bollente e salata.  Scolarle e condirle a piacere.

Strozzapreti
Strozzapreti… al sugo!

 ************************************************************************

Quick-to-make semi-whole wheat strozzapreti (priest chokers!)

What are the advantages of eating whole wheat foods?  Maybe a few years ago we would have said that whole wheat products are good for our health but not so good for our palate!  Well, with time, and using them more and more, we have learned that it is not so.  Whole wheat can be found in the form of grains and flour. There is rice, barley, spelt, quinoa, etc. in grain and flour form.  The advantages of using whole wheat is that we intake more fiber which helps us feel full more quickly and helps our intestines work better and absorb less fats, which is great. Another important factor is that these foods have a low glycemic index and less calories compared to refined grains.  When possible we should choose whole wheat organic grains because the outer part of the grain, which is removed during the refinement process, is what is more exposed to the chemicals used in farming.  It is important to know where the whole wheat grains come from in order to avoid ingesting harmful substances.  Fortunately, today good organic products are not so difficult to find and many supermarkets sell them.  What are the disadvantages of using whole wheat grains?  They don’t keep as long and don’t taste like the more appetizing refined one.  They might even look and taste strange but we assure you that, for example, the whole wheat pasta enhances the flavour of vegetables and whole wheat barley is great in a soup!  We’ve always loved making homemade pasta and we used whole wheat flour to make our strozzapreti which gave us a great result both with regard to taste as well as consistency.  

Strozzapreti are a twisted pasta about 7-8 centimetres long and the legend says that when they were first made by the housewives in the Romagna region of Italy, they were served to the local priests.  The husbands of these ladies, who didn’t care much for the clergy, wished they would “choke” while eating them. It is also said that this pasta was so delectable and was served only to priests who devoured them quickly, gorging themselves to the point of almost choking to death. Our pasta is a bit longer and resembles the bigoli  made in the Veneto region, or the lombrichelli made in the northern area of the Lazio region. One thing is for sure, it is fast and easy to make… a pasta that is delicious, versatile and goes well with a meat sauce, with porcini mushrooms, with seafood, or as you can see in our photo, a simple basil sauce.

150 grams of whole wheat flour

150 grams of durum wheat flour

1 egg

salt

acqua – as needed

Mix all the ingredients adding the water slowly a bit at a time.  Knead the dough well then let it sit for a while at room temperature covered with a kitchen cloth.  Use a pasta machine (we used Imperia, TRENETTE size blade) after you’ve cut the dough into small slices and rolled them in flour.  When the past is all cut, boil it in salted water then drain and add any sauce you prefer.

0 comments on “Strozzapreti veloci semintegraliAdd yours →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *